Istanbul

Giornata davvero storica, oggi, a Istanbul e non solo a S. Giorgio al Fanar...

Benedetto XVI ha celebrato stamattina la Divina Liturgia insieme al Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I, un altro passo non meno importante di quelli di oggi pomeriggio: la visita prima al museo di Santa Sofia, e poi alla moschea Blu dove il papa è entrato scalzo - per rispetto alla legge coranica - ed è rimasto in silenzioso raccoglimento davanti al Mirhab, insieme al Gran Muftì di Istanbul.
Potete trovare tutti i discorsi pronunciati dal Papa linkando a questa pagina, e scoprirete che sono veri distillati di sapienza, cultura, fede, storia, amore e poesia! e di incoraggiamento e speranza, tanta speranza! C'è veramente tanto da imparare, da scoprire e da vivere...

 


  [Fonte: InternEtica 30 novembre 2006] 



 Riano (Roma)

Lampada speciale presso la cittadella "Taddeide" per l'incontro del 30 novembre al Fanar

"La partecipazione del Papa alla festa patronale di Sant'Andrea al Fanar in Istanbul, domani 30 novembre, segnerà dopo quello di oggi un nuovo passo verso la piena comunione, la quale esige un cammino lungo e difficile che si deve percorrere se si vuole realizzare il testamento di Cristo: che tutti siano uno affinché il mondo creda". Così suor Mariangela Congiu della Cittadella Ecumenica Taddeide di Riano, nei pressi di Roma, commenta l’arrivo del Papa nel pomeriggio di oggi a Istanbul, l’incontro con Bartolomeo I, la partecipazione alla divina liturgia nella chiesa patriarcale di S.Giorgio e la dichiarazione congiunta. "Uno dei molti aspetti positivi di questo viaggio apostolico - aggiunge suor Congiu - riguarda l'intensificazione dei rapporti fraterni tra le due 'Chiese Sorelle', la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa proprio nel momento in cui il dialogo teologico sta affrontando l'argomento cruciale: quello della posizione giuridica del Papa in seno alla Chiesa universale". A Taddeide si prega per il pontefice e per i frutti ecumenici di questo viaggio così come si fa ogni giovedì quando un centinaio di persone in Italia e all'estero accendono nella propria casa una lampada "speciale", denominata la "Lampada dell’Unità", una iniziativa ideata da mons. Giulio Penitenti, fondatore della Famiglia Ecumenica Taddeide, nel 1964.

 


  [Fonte: SIR 29 novembre 2006] 



 Ankara

Il Papa in Turchia. Primo 'giallo' mediatico

Soltanto poche ore in Turchia, e già c'è un primo giallo diplomatico, intorno alla Visita di Benedetto XVI. Leggendo il Corriere della Sera si poteva pensare che il Papa ha esplicitamente dato il suo assenso all'ingresso della Turchia in Europa, tema che sta molto a cuore al Premier Erdogan. La realtà però è che se si legge bene l'articolo si capisce che il parere del Papa è soltanto riferito da Erdogan, che alla fine del breve incontro di 25 minuti all'aeroporto, ha detto questa cosa ai giornalisti presenti. Ed ecco il Comunicato diramato dall'ANSA su dichiarazione di P. Lombardi già prima delle 16, peraltro non riportato nei Tg della sera...
"La Santa Sede non ha il potere né il compito specifico politico di intervenire nel punto preciso riguardante l'ingresso nell'Unione Europea. Non le compete. Tuttavia vede positivamente e incoraggia il cammino di dialogo, di avvicinamento, di inserimento in Europa sulla base di valori e principi comuni. In questo senso il Papa ha espresso apprezzamento per l'iniziativa dell'alleanza delle civiltà promossa dal Premier Erdogan."

 


  [Fonte: InternEtica 29 novembre 2006] 



 Roma

Viaggio del Papa in Turchia. Come saranno recepite le sue parole nell'Angelus? Primissime note di cronaca

Alla vigilia del viaggio del Papa in Turchia in una piazza di Istanbul circa 25.000 turchi stavano manifestando contro l'arrivo del Papa; in un'altra piazza (San Pietro), nel corso del tradizionale Angelus della domenica, il Papa stesso rivolgeva ai turchi queste parole. Un saluto cordiale al caro popolo turco, ricco di storia e di cultura". "A tale Popolo e ai suoi rappresentanti esprimo sentimenti di stima e di sincera amicizia"....continua

>Discorso pronunciato alla Diyanet, 28.11

 


  [Fonte: InternEtica 27 novembre 2006] 



 Bruxelles

COMECE. I valori comuni sono il fondamento dell'Europa

“Poiché l’Europa nasce nel cuore della gente, occorre che sia edificata su valori comuni”, afferma un comunicato della Commissione degli Episcopati della Comunità Europea (COMECE). Questo venerdì i Vescovi della Commissione hanno elaborato una dichiarazione come contributo alla “Dichiarazione di Berlino” sui valori e le ambizioni europei pianificata per il marzo 2007. I presuli hanno adottato il testo nel corso della loro Assemblea Plenaria, svoltasi dal 22 al 24 novembre a Bruxelles, e ritengono che la “Dichiarazione di Berlino” sarà un’opportunità unica per i leader dell’UE “di presentare i valori che condividono e l’ambizione di renderli reali”....continua

 


  [Fonte: Zenit 25 novembre 2006] 



 New York

Il viaggio del Papa in Turchia guadagna la copertina del Time.

Il viaggio di Benedetto XVI in Turchia si conquista la copertina del Time. "The Passion of the Pope" (La Passione del Papa), il titolo di un approfondimento dell’autorevole magazine che considera la visita una tappa importante, capace di riformare il dibattito tra Islam e Occidente. “Il pontefice – si legge - si è imposto come una figura più complessa e affascinante di quanto si potesse immaginare e tutto questo ha molto a che fare con la sua volontà di confrontarsi con ciò che la gente reputa essere oggi l'equivalente del flagello del comunismo: la minaccia della violenza islamica. Dopo il discorso di Ratisbona, il Papa ha abbandonato la posizione del suo predecessore per rilanciare il dibattito sullo scontro di civiltà, incentrandolo sulla questione chiave se l'islam, in quanto religione, condanna la violenza. Ora, Benedetto XVI si trova nella posizione di avviare la missione più importante del suo papato e di dover scegliere tra opzioni difficili: mettere a punto una sua nuova piattaforma, insistendo sul fatto che un'altra grande fede ha dei vizi potenzialmente letali e lanciare la sfida del dibattito, esortando al tempo stesso la comunità occidentale ad armarsi moralmente”....continua

 


  [Fonte: Korazym.org 20 novembre 2006] 



 Città del Vaticano

Il Presidente Napolitano in udienza dal Papa.

«la Chiesa non è né agente politico né silente. La libertà, che la Chiesa e i cristiani rivendicano, non pregiudica gli interessi dello Stato o di altri gruppi sociali e non mira a una supremazia autoritaria su di essi, ma è piuttosto la condizione affinché si possa espletare quel prezioso servizio che la Chiesa offre all'Italia e a ogni Paese in cui essa è presente». «L'impegno dei fedeli laici nelle sfide attuali tra cui guerre e terrorismo, fame e sete, ma anche la tutela della vita umana in tutte le sue fasi - ha proseguito Benedetto XVI - non è un impegno per un interesse peculiare, ma avviene invece nel contesto e secondo le regole della convivenza democratica, per il bene di tutta la società».

>Testo integrale del discorso del papa

 


  [Fonte: Santa Sede 20 novembre 2006] 



 Città del Vaticano

Benedetto XVI esorta a promuovere "l'ecumenismo dell'amore".

Ricevendo in udienza i partecipanti alla Plenaria del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, Benedetto XVI ha sostenuto la necessità di promuovere “l’ecumenismo dell’amore”. Questo, ha spiegato il Pontefice, “discende direttamente dal comandamento nuovo lasciato da Gesù ai suoi discepoli”. “L’amore accompagnato da gesti coerenti crea fiducia, fa aprire i cuori e gli occhi”, ha proseguito lodando i partecipanti alla Plenaria, che si dedicano alla “promozione della piena comunione di tutti i cristiani, secondo la volontà del Signore stesso che per quella unità ha pregato alla vigilia della sua passione, morte e resurrezione”. ...continua

 


  [Fonte: Zenit 17 novembre 2006] 



 Istanbul

Il Patriarca di Costantinopoli attende il Papa con "amore fraterno"

Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, attende la visita di Benedetto XVI in Turchia con “amore fraterno”, come ha rivelato in un comunicato emesso dal Patriarcato. Il Patriarca, che si presenta come “il leader spirituale di oltre 300 milioni di fedeli ortodossi in tutto il mondo”, riceverà il Papa il 29 e il 30 novembre al Patriarcato Ecumenico di Istanbul. La visita di tre giorni a Istanbul di Papa Benedetto segue l’invito personale del Patriarca ecumenico in occasione della festa di Sant’Andrea apostolo, fratello maggiore di San Pietro. Sant’Andrea è considerato il fondatore del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, antico nome dell’attuale Istanbul. “Attendiamo la visita del Papa con amore fraterno e grande trepidazione”, ha detto il Patriarca Bartolomeo; “sarà molto importante per il nostro Paese e per i rapporti cattolico-ortodossi”....continua

>Notizie aggiornate sul viaggio del Papa in Turchia

 


  [Fonte: Zenit 16 novembre 2006] 



 Città del Vaticano

Il 23 novembre Rowan Williams dal Papa. Il programma della visita.

Un programma intenso che culminerà con l’ udienza privata col Papa il 23 novembre per commemorare l'incontro tra Paolo VI e il leader anglicano Michael Ramsey di quarant'anni fa. La visita di Rowan Williams, leader teologico della "Chiesa di Inghilterra" fondata da Enrico VIII e della comunione anglicana comincerà il prossimo 21 novembre con una lezione al Pontificio ateneo Sant'Anselmo intitolata "San Benedetto e il futuro dell’Europa". Mercoledì sera (ore 19) l'arcivescovo di Canterbury incontrerà la comunità di Sant'Egidio in una funzione religiosa che commemorerà il martirio di sette membri dell'"Ordine melanesiano anglicano". Giovedì l'udienza privata dal Papa. Nel pomeriggio (ore 18) lezione alla Accademia Pontificia delle scienze sociali su "Laicità, libertà e fede". Venerdì 24 la conferenza stampa conclusiva a Palazzo Doria Pamphili e nel pomeriggio una funzione a Santa Maria sopra Minerva cui parteciperanno il primate cattolico di Inghilterra e Galles, card. Cormac Murphy-O'Connor e il cardinale Walter Kasper. Williams sarà accompagnato dalla moglie Jane, dall'arcivescovo Peter Carnley copresidente della commissione per il dialogo interreligioso "Arcic", dal vescovo David Beetge, copresidente della commissione "Iarccum" e dal vescovo John Flack, rappresentante dell'arcivescovo alla Santa Sede....continua

>Dichiarazione Congiunta tra cattolici e anglicani 1966
>Dichiarazione congiunta odierna
>Discorso del Papa

 


  [Fonte: SIR 13 novembre 2006] 



 Odemis (Turchia)

Assalita ripetutamente una chiesa protestante

Sabato 4 novembre un gruppo di persone non identificate ha lanciato sei bombe molotov contro una chiesa in Turchia.

L'azione ha provocato soltanto la rottura dei vetri delle finestre e lievi danni all'esterno dell'edificio. L'attacco però è solo uno dei tanti ripetuti episodi da parte di sconosciuti ai danni della piccola chiesa protestante della città di Odemis, a un centinaio di chilometri a est di Izmir. Quasi ogni notte nelle precedenti due settimane, degli sconosciuti hanno scagliato sassi contro la "Love Protestant Church" nella quale vivono....continua

>Ecco cosa vorrebbero dire i cristiani al Papa
 


  [Fonte: ICN-News 10 novembre 2006] 



 Città del Vaticano

Il Presidente di Cipro mostra al Papa fotografie di chiese distrutte dai Turchi

Ricevuto in udienza da Benedetto XVI, il Presidente della Repubblica di Cipro, Tassos Papadopoulos, ha mostrato al Papa un libro di fotografie sulle chiese distrutte nella parte settentrionale dell’isola occupata dalla Turchia. Secondo quanto ha rivelato in seguito lo stesso Papadopoulos nel corso di una conferenza stampa, vedendo queste immagini il Papa ha confessato di essere “profondamente preoccupato”. Il presidente ha invitato il Papa a visitare Cipro e il Pontefice, secondo quanto ha rivelato il Capo di Stato, non gli ha detto di no ma non ha nemmeno potuto confermare. ...continua
 


  [Fonte: Zenit 10 novembre 2006] 



 Venezia

Il card. Scola: "La candidatura della Turchia all'UE svela la debolezza strutturale dell'Unione"

“La candidatura della Turchia all’Unione Europea, per la sua particolare difficoltà, dovuta soprattutto all’elevato numero di abitanti e alla sua singolare configurazione storico-culturale legata all’Islam, sta svelando la debolezza strutturale in cui versa l’Unione Europea e impone un esame articolato di ‘quale’ Europa si voglia costruire”. Lo ha detto il card. Angelo Scola, patriarca di Venezia, intervenendo, stamattina, al convegno “Quale Europa? Il caso Turchia”, promosso dal Meic di Venezia, oggi e domani nella città lagunare. “Nella storia europea le vicende religiose – ha ricordato il patriarca - e le vicende socio-politiche si presentano così strettamente intrecciate da essere di fatto inseparabili”; ma oggi sembra prevalere l’idea che “quand’anche le convinzioni morali e le evidenze elementari avessero un legame con la religiosità della persona, il confronto pubblico di cui si nutre la democrazia deve assolutamente prescindere dalla radice religiosa”. Per il card. Scola, invece, è “auspicabile affermare la necessità del riconoscimento di una ‘sfera pubblica plurale e religiosamente qualificata’, in cui le religioni svolgano un ‘ruolo di soggetto pubblico’, ben separato dall’istituzione statuale e distinto dalla stessa società civile benché all’interno di essa”. ...continua
 


  [Fonte: SIR 10 novembre 2006] 



 Ankara

Il Papa in Turchia. Spunta il pellegrinaggio spirituale

Mentre ci si avvicina al viaggio del papa in Turchia - sempre più a rischio dopo il succedersi di episodi ostili proprio contro l’arrivo di Benedetto XVI - si moltiplicano le iniziative per contrastare i pericoli rappresentati dai radicali islamici nel Paese. L'azione diplomatica delle Cancellerie di diversi Paesi, in primo luogo della Turchia e della Santa Sede, dimostrazioni contro gli estremisti, interventi dell'intelligence e dell'antiterrosimo, la preghiera... Sabato 4 novembre sono scese in piazza ad Ankara circa 12 mila persone (nella foto a lato), richiamate dalle associazioni nazionaliste turche a difesa del regime laico e secolare e contro le influenze dei radicali islamici e l’islamizzazione del Paese....continua

>Notizie aggiornate sul viaggio del Papa in Turchia
 


  [Fonte: korazym.org e altri 6 novembre 2006] 



 Assisi

Ricordando Assisi 1986: Alla scuola di quale Francesco?

Nel Salone papale del sacro Convento di Assisi il 26 e 27 ottobre si è svolto un convegno di studio sul famoso evento del 27 ottobre 1986, quando, su invito di Giovanni Paolo II, i capi delle Confessioni cristiane e delle religioni mondiali non esitarono a riunirsi fraternamente in Assisi. Il tema del convegno: "Le religioni e la pace", portava come sottotitolo "Lo "spirito di Assisi" nel XX anniversario della Giornata mondiale di preghiera per la pace....continua
 


  [Fonte: IncrociNews 3 novembre 2006] 



 Ginevra

CCEE: Verso Sibiu 2007, i "Nove temi dell'Assemblea ecumenica"

Si sono riuniti il 30 ottobre a Ginevra i coordinatori dei nove “Fora” che si realizzeranno a Sibiu (Romania) in occasione della Terza Assemblea ecumenica europea (Aee3) (4-9 settembre 2007). I temi di questi nove fora, si legge in un comunicato del Ccee, il Consiglio delle Conferenze episcopali europee, “costituiscono vere sfide storiche per le Chiese e l'Europa di oggi. I partecipanti all'Assemblea di Sibiu avranno l'opportunità di riflettere sui seguenti 9 temi: unità, spiritualità, testimonianza, Europa, religioni, migrazioni, creazione, giustizia e pace. Guidati dal tema dell'Aee3 "La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento ed unità in Europa", i cristiani d'Europa s'interrogheranno sul contributo originale che sono chiamati ad offrire all'Europa e al mondo”. La riflessione su questi temi si sta diffondendo nei diversi Paesi europei: in Italia a Terni a giugno si è svolto un incontro sulla Charta Oecumenica; in Voivodina, a settembre, le Chiese cristiane si sono incontrate per riflettere su "Cristo, luce del mondo, fondamento e speranza per l'Europa"; in Bulgaria, l'incontro che si è tenuto il 29-30 settembre scorso sul tema "Il Cristianesimo in Europa", ha visto la partecipazione di rappresentanti delle Chiese, delle università e del Governo. Un incontro sull’Aee3 è fissato nei prossimi giorni a Dublino. Altre informazioni su www.eea3.org.
 


  [Fonte: SIR 3 novembre 2006] 



 Roma

Notizie sul prossimo viaggio del Papa in Turchia

Non ci sarà un incontro ufficiale fra il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan, e Benedetto XVI nel corso della visita che quest'ultimo compirà in Turchia dal 28 novembre al 1° dicembre. Lo ha confermato l'ambasciata turca: Erdogan il 28 e il 29 novembre sarà a Riga, in Lettonia, dove si svolge il summit della Nato, «un appuntamento per noi molto importante» hanno dichiarato dalla ambasciata, e già in programma da tempo. Lo stesso programma ufficiale della visita del Papa diffuso dall'ufficio del primo ministro non fa menzione di alcun incontro fra il Pontefice e il capo del governo turco. Erdogan è leader di un partito islamico moderato ed è impegnato in difficili trattative per avviare i negoziati che aprirebbero alla Turchia le porte dell'Unione europea.  ...continua

>Un uomo spara per protesta contro il viaggio del Papa
>Spunta il pellegrinaggio spirituale col Papa

 


  [Fonte: Corriere /SIR 2 novembre 2006] 



 Roma

Si apre domani la XIV Assemblea delle Chiese Evangeliche in Italia

Con un culto solenne si aprirà domani a Roma, alle 15 nel tempio valdese di piazza Cavour, la XIV Assemblea della Federazione della chiese evangeliche in Italia (FCEI). I lavori proseguiranno fino al 4 novembre a Sassone di Ciampino. La predicazione, affidata a David Cavanagh, capitano dell’Esercito della Salvezza e vicepresidente della FCEI, verterà sul versetto biblico che costituisce il motto all’Assemblea: "Ecco, io faccio nuove tutte le cose" (Apocalisse 21:5). Dopo il culto saranno ascoltati i saluti degli ospiti italiani e internazionali. ...continua

 


  [Fonte: NEV 31 ottobre 2006] 



 Roma
Master in "Chiesa, Ecumenismo e Religioni"

Un percorso formativo per conoscere le Religioni, le Chiese Cristiane, i Movimenti Religiosi Alternativi ed il loro rapporto con la Chiesa Cattolica nel mondo di oggi. Il Master in «Chiesa, Ecumenismo e Religioni» è una iniziativa della Facoltà di Teologia dell’Ateneo Pontificio Regona Apostolorum di Roma. Organizzato in moduli ciclici che permettono agli studenti di aggiungersi al percorso ogni anno accademico, il Master pretende offrire in un periodo di due anni un approccio critico e sintetico a (1) Le religioni da un punto di vista comparativo (primo modulo), (2) Le Confessioni Cristiane e l’Ecumenismo (secondo modulo); (3) Le religioni, le loro dottrine ed il dialogo interreligioso (terzo modulo) e (4) I Movimenti Religiosi Alternativi e le loro tendenze (quarto modulo)....continua

 


  [Fonte: UPRA 31 ottobre 2006] 











2003
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic

4110 - visitatori
 
 

 
 


| home | | inizio pagina |