Roma
Evento parrocchiale a S. Trinità dei Pellegrini. Meditazioni Quaresimali "Le Ultime Sette Parole di Gesù in Croce"

La tradizione cristiana, popolare e monastica, ha voluto frequentemente fare delle ultime sette parole dette dal Signore sulla croce un tema preferito di meditazione e di preghiera. In preparazione alla Santa Pasqua, Juventutem e la Parrocchia S.S. Trinità dei Pellegrini vi invitano a partecipare alle meditazioni quaresimali "Le Ultime Sette Parole di Gesù in Croce".Gli incontri, saranno tenuti da un sacerdote della Parrocchia.



>Vedi notizie su S. Trinità dei Pellegrini
 


  [Fonte: InternEtica] 



 Roma
 
CIBES (Centro Internazionale Bibbia e Storia) Corsi di Ebraico Biblico
Tenuti dal Prof. Giovanni Odasso 
presso le Ancelle del Sacro Cuore
Via XX Settembre, 65/b - Roma
__________________________
26-28 febbraio






Studio di Aramaico Targumico

L’interpretazione messianica di
Gen 49,10-12; Is 4,2; 9,5; 11,1-6; Ger 23,5; Zc 6,12
nelle opere targumiche

Lettura dei testi nella lingua originale. Sono invitati tutti coloro che dispongono di una conoscenza, anche iniziale, dell’ebraico biblico.

Ai partecipanti sarà consegnato il materiale didattico necessario per lo studio dei testi in aramaico.

Le lezioni si svolgeranno dal pomeriggio di venerdì 26 (h. 15.00) al mattino di domenica 28 febbraio con il seguente orario:

Venerdì 15.00 - 15.45; 16.00 - 16.45; 17.00-17.45
Sabato 9.30 - 10.15; 10.30 - 11.15
15.00 - 15.45; 16.00 - 16.45; 17.00-17.45
Domenica 9.00 - 9.45; 10.00 - 10.45
11.00  Seudat Ha Adon


INFORMAZIONI UTILI:
Segretaria del CIBES, Sig.ra Angela Pak
Tel. 06 8170961

e-mail debarim@tiscali.it 

>Per sapere di più sul CIBES
 


  [Fonte: InternEtica] 



 Roma
Alcuni anglicani conservatori passano alla Chiesa cattolica.
 
Un gruppo anglicano conservatore ha deciso di accettare l'offerta di papa Benedetto XVI e di entrare nella Chiesa cattolica pur conservando le proprie identità e tradizioni anglicane. Forward in Faith Australia, parte di un network mondiali di anglicani conservatori che mettono l'accento sulla 'cattolicità' dell'anglicanesimo, ha istituito un gruppo di lavoro, guidato dal vescovo cattolico, mons. Peter Elliott, per preparare la conversione in massa dei propri fedeli. Il gruppo lavorerà in collaborazione con la Traditional Anglican Communion, una Chiesa scismatica tradizionalista anglicana, la Chiesa anglicana australiana e la Chiesa cattolica, ha spiegato il presidente di Forward in Faith Australia, p. David Robarts. Tuttavia, ha aggiunto, è probabile che non tutti i 200 membri della sua organizzazione si convertiranno. La Chiesa anglicana australiana ordina dal 1992 donne prete, ma non ha ancora deciso di procedere alla consacrazione di donne vescovo.


>Vedi precedenti nel Sito
 


  [Fonte: ASCA 18 Febbraio 2010] 



 Gerusalemme
Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente. Mons. Twal: testimonia tutta la sollecitudine del Papa per le Chiese. Bisogna rafforzare la comunione
 
“Bisogna rafforzare la comunione, all’interno di ogni Chiesa Cattolica d’Oriente, tra tutte le chiese cattoliche e con le altre cristiane. Allo stesso tempo occorre rafforzare la testimonianza che diamo ad ebrei, musulmani e agli altri credenti e non credenti”. Lo ha ricordato il patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal (nella foto con Benedetto XVI), nel corso della celebrazione per la Giornata mondiale della vita consacrata svoltasi ieri nella Città santa alla presenza di oltre 200 tra preti, religiosi e consacrati. Nell’omelia, letta dal superiore dei padri Assunzionisti, padre Alain Marchadour, Twal ha sottolineato l’importanza del prossimo Sinodo per il Medio Oriente: “è un’iniziativa che testimonia tutta la sollecitudine del Pontefice per le Chiese. Il prossimo giugno Benedetto XVI sarà ancora nella nostra diocesi per una visita pastorale a Cipro e in questa occasione consegnerà ai vescovi e ai patriarchi l’Instrumentum laboris dell’Assemblea”. Alla redazione di questo documento, ha aggiunto il patriarca latino, “stanno contribuendo molti sacerdoti, religiosi e fedeli della nostra diocesi, fornendo risposte alle domande proposte”. Per Twal - riferisce l'agenzia SIR - il Sinodo offrirà l’opportunità di fare il punto sulla situazione anche politica del Medio Oriente “per dare ai cristiani una visione chiara del senso della loro presenza nella società musulmana e israeliana, del loro ruolo e missione, preparandoli ad essere testimoni di Cristo”. “Ad offrire questa testimonianza – ha concluso Twal – devono essere, in modo particolare, i vescovi, i preti e i diaconi. Ma anche i laici hanno un posto indispensabile nella Chiesa e nelle società di Terra Santa, dove esercitano la loro vocazione cristiana contribuendo alla santificazione del mondo”.


>Sul Sinodo per il M.O., vedi nel Sito
 


  [Fonte: Radio Vaticana 3 Febbraio 2010] 



 Belgrado
Serbia, il nuovo Patriarca apre al Papa e attacca l'Islam.
 
Dialogo sì, ma non con tutte le religioni. Il patriarca Irinej, nuovo capo della chiesa ortodossa serba, inizia la sua missione all’insegna della contraddizione. Da una parte invita il papa a visitare il suo Paese per migliorare i rapporti con i cattolici. Dall’altra attacca i musulmani, accusandoli di essere oppressivi verso le altre confessioni. Una politica che riscuote successo in Vaticano, ma che ovviamente provoca irritazione nella comunità islamica. Già prima della sua elezione, avvenuta lo scorso 22 gennaio, Irinej aveva espresso la speranza di ospitare Ratzinger nel 2013. Quella del Pontefice sarebbe una visita storica: oltre ad essere la prima volta di un papa in Serbia, potrebbe essere l’occasione per un incontro col Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill. L’obiettivo, lontano ma possibile, è la “riunificazione delle due Chiese”, auspicata esplicitamente da Irinej e implicitamente da Benedetto XVI, che pochi giorni fa si è augurato “che i discepoli di Cristo possano essere nuovamente uniti”. All’apertura verso Roma non corrisponde un atteggiamento analogo nei confronti dell’Islam. “Sappiamo qual è la filosofia dei musulmani – ha detto Irinej il 27 gennaio. – Quando sono in minoranza, sanno comportarsi bene ed essere corretti. Quando sono in condizioni di parità alzano già la testa. Quando diventano maggioranza, cominciano a esercitare pressioni”. Elderin Asceric, segretario della Comunità islamica di Serbia, ha immediatamente annunciato una lettera di proteste diretta alla Chiesa di Irinej. “Le parole del nuovo patriarca – si legge nel testo – lasciano intendere che i musulmani sono tollerabili solo quando sono minoritari e sottomessi. Se il capo degli ortodossi serbi vuole un minimo di dialogo, ci aspettiamo delle scuse chiare e precise”.
 


  [Fonte: Balkanews 31 gennaio 2010] 



 Roma
Assicurata per il giorno delle Ceneri la S. Messa Tridentina pomeridiana a Via Merulana
 
A Roma, in via Merulana, 177 a pochi passi da Santa Maria Maggiore, nella Chiesa di Sant'Anna al Laterano della Congregazione delle Figlie di S. Anna, che hanno qui la loro Curia generalizia,  ogni domenica alle ore 17 viene celebrata la Santa e Divina Liturgia secondo la forma del Rito Romano Tridentino.

Anche il giorno delle Ceneri, mercoledì 17 febbraio, la S. Messa More Antiquo sarà celebrata con il rito dell'Imposizione delle ceneri, anticipandola alle ore 16,30
 


  [Fonte: InternEtica 1 febbraio 2010] 



 


2010
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic


2009
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic


2750 - visitatori
 
 

 
 


| home | | inizio pagina |