FF

 Città del Vaticano
Il primo tweet del papa: "news.va" una piattaforma per orientare chi naviga in rete e che voglia interessarsi della Santa Sede.

Un nuovo portale per avere a disposizione, con un colpo d'occhio e pochi colpi di mouse, tutto l'orizzonte dell'informazione vaticana. E' il "news.va", presentato ieri in conferenza stampa dall'arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, che ne ha promosso e seguito la realizzazione. Come annunciato, questo pomeriggio, sarà il Papa stesso a dare l'impulso di avvio al portale, che domani esordirà ufficialmente in coincidenza con la solennità dei Santi Pietro e Paolo e il 60.mo di sacerdozio di Benedetto XVI. Il nuovo portale è un portale multimediale, nel senso che chi vi accede potrà leggere le notizie, potrà ascoltare i programmi della Radio Vaticana, potrà seguire filmati on demand su avvenimenti già passati oppure in determinate occasioni seguire su streaming, e quindi in diretta, le cerimonie del Santo Padre. Una presenza, dunque, multimediale....continua
 


  [Fonte: Radio Vaticana 28 giugno 2011] 



 USA
Intera comunità di una parrocchia del Maryland sceglie la comunione con la Chiesa cattolica.
 
Negli Stati Uniti, l’intera comunità di fedeli di una parrocchia episcopaliana di Saint Luke, a Bladensburg, nello Stato del Maryland, ha deciso di intraprendere il cammino per entrare nella piena comunione con la Chiesa cattolica, in base alla costituzione apostolica Anglicanorum coetibus che prevede l’erezione di Ordinariati per accogliere gli ex pastori e fedeli anglicani. La comunità episcopaliana - riporta L'Osservatore Romano - avvierà i preparativi per essere accolta nella Chiesa cattolica entro l’anno. In una nota dell’arcidiocesi di Washington è spiegato che il cammino è supportato dal vescovo della diocesi episcopaliana, John Bryson Chane e dal presidente del Committee on Doctrine della United States Conference of Catholic Bishops, il cardinale arcivescovo di Washington, Donald William Wuerl. Si tratta, si osserva, della prima comunità parrocchiale nella diocesi episcopaliana di Washington ad aver assunto la decisione di entrare in piena comunione. Anche negli Stati Uniti è allo studio, infatti, l’erezione di un Ordinariato sul modello di quello di Nostra Signora di Walsingham in Inghilterra e Galles. Il cardinale Wuerl, in occasione della prossima assemblea generale dei vescovi degli Stati Uniti — in programma a Seattle dal 15 al 17 giugno — presenterà un rapporto sull’introduzione della costituzione apostolica Anglicanorum coetibus nel Paese. Il vescovo Chane ha affermato che il cammino è stato concordato con la Chiesa cattolica «in uno spirito di sensibilità pastorale e mutuo rispetto». La decisione è stata adottata dal consiglio pastorale della parrocchia nel gennaio scorso e, domenica scorsa, è stata confermata e approvata da tutta la comunità che conta un centinaio di fedeli. Il pastore della parrocchia, Mark Lewis, ha commentato: «Non vediamo l’ora di continuare a celebrare nella tradizione anglicana, trovandoci al tempo stesso in piena comunione con la Chiesa cattolica». Lo stesso pastore, rettore della parrocchia dal 2006, ha aggiunto di sperare di poter iniziare il percorso per ricevere l’ordinazione come sacerdote cattolico.
 


  [Fonte: Radio Vaticana 8 giugno 2011] 



 Milano
Un nuovo libro di Enrico Maria Radaelli. Per riprendere a costruire la civiltà a partire dalla Bellezza.
 
Tra le conclusioni del Convegno di dicembre scorso sul Concilio Vaticano II è emersa la consapevolezza che nella difficoltà ermeneutica in cui ci dibattiamo si nasconde la carenza della metafisica. E’ un problema di forma e di sostanza: la modernità fa perdere chiarezza accusando il dogmatismo normativo, ma accantonare la metafisica è significato accantonare la fede che è messa in un angolo. E’ appena uscito un nuovo libro di Enrico Maria Radaelli, un autore che ha la peculiarità di intraprendere percorsi metafisici di rara profondità e suggestione intellettuale e spirituale, sviluppando e proseguendo sia l'opera di Romano Amerio che la sua personale elaborazione su dove e come sia avvenuto il «disorbitare della Chiesa dal suo fine primario» e individuando le soluzioni secondo la Tradizione perenne, non quella “vivente” in senso storicistico. Abbiamo la ventura di immergerci in 300 pagine che flagellano e svuotano di ogni sua più ridicola pretesa di ragionevolezza e persuasività il liberalismo massonico: La Bellezza che ci salva. La forza di imago, il secondo Nome dell’Unigenito di Dio, che, con Logos, può dar vita a una nuova civiltà, fondata sulla bellezza. Avrebbe potuto chiamarsi La Verità che ci salva (soprattutto dal liberalismo massonico), ma l’Autore ha voluto riferirsi alla nota affermazione dostoevskjiana in primo luogo per mostrarne una volta per tutte la futilità, in secondo per portare finalmente alla ribalta le devastanti nuove eresie iconologiche propalate dalle diaboliche vesti cementizie delle nuove chiese, che sono lo specchio di quelle logiche che stanno oscurando la Tradizione perenne, unica portatrice della Verità....continua
 


  [Fonte: Chiesa e Postconcilio maggio 2011] 



 Roma
Tra Chiesa e bloggers un riuscito vis-à-vis. Lo spazio profano e quello sacro stanno trovando una nuova modalità di connessione. 
 
...Uno degli emblemi più significativi è certamente il blog, il fitto reticolo comunicativo che ormai ha avvolto l'intero nostro pianeta. È per questo che due dicasteri della Santa Sede, il Pontificio Consiglio della Cultura e il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, hanno deciso di proporre il 2 maggio scorso, a ridosso del grande evento della beatificazione di Giovanni Paolo II, un incontro tra i bloggers, possibilmente rappresentanti i 157 milioni di abitanti della blogsfera sparsi in tutto il mondo (nonostante "Wired Magazine", nel 2008, avesse annunciato la morte dei blog!). Non si è trattato, quindi, di un incontro dei bloggers cattolici ma di tutti questi variopinti frequentatori delle pagine della rete, con il loro linguaggio speciale, colorito, soprattutto conciso, quasi ridotto a una sorta di codice. Essi, infatti, non amano i lunghi discorsi e le conferenze, ma i dibattiti on line in diretta, con il sistema del "botta e risposta", quasi come in uno scambio tennistico di impressioni, valutazioni, giudizi, a volte taglienti, comunque diretti e fulminei. Un appuntamento organizzato attraverso una semplice e-mail, diventata immediatamente viral, che in pochi giorni ha prodotto 750 richieste di partecipazione. Motivi logistici hanno costretto gli organizzatori a scelte non facili, visto che la disponibilità nella sede dell'incontro era di soli 150 posti: cinquanta bloggers sono stati selezionati per garantire la rappresentatività geografica e tematica; altri cento sono stati scelti, invece, attraverso un sorteggio. In questa cornice suggestiva l'incontro è stato programmato su due panels: il primo ha avuto come protagonisti i bloggers, mentre il secondo ha visto intervenire alcuni rappresentanti della Chiesa impegnati a offrire possibili risposte alle suggestioni presentate dagli interventi e dalle proposte concrete di coloro che frequentano il mondo interattivo del Web 2.0. ...continua
 


  [Fonte: Osservatore Romano 22 maggio 2011] 



 Roma
I Sabati della Tradizione a S. Nicola in Carcere


Lo splendido altare Basilicale

Vuoi approfondire e promuovere la Tradizione della Chiesa? Vuoi seguire un cammino di fede e di testimonianza personale in uno spirito di amicizia e di gioia?
Allora puoi venire a trovarci e a conoscerci tutti i Sabati alle ore 18 nell'antica bellissima Basilica di San Nicola in Carcere via del Teatro Marcello, 46 Roma.
Ogni sabato, alle ore 18,
noi del gruppo stabile San Luigi Orione, guidati spiritualmente dal sacerdote don Giuseppe Vallauri, proseguiamo i nostri incontri, l'Adorazione e la Santa e Divina Liturgia Vetus Ordo. Venite numerosi e rivolgete l'invito ad altri vostri amici.
Viviamo con particolare solennità il primo sabato di ogni mese.
 


  [Fonte: Gruppo S. Luigi Orione giugno 2011] 



 Roma
S. Messa Tridentina pomeridiana domenicale
 
A Roma, in via Merulana, 177 a pochi passi da Santa Maria Maggiore, nella Chiesa di Sant'Anna al Laterano della Congregazione delle Figlie di S. Anna, che hanno qui la loro Curia generalizia,  ogni domenica alle ore 17 viene celebrata la Santa e Divina Liturgia secondo la forma del Rito Romano Tridentino.


La Santa Messa è celebrata da P. Giuseppe Vallauri.
Avrà luogo anche mercoledì 29 giugno, festa dei Santi Pietro e Paolo.

 


  [Fonte: InternEtica giugno 2011] 



 

2011
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic






1606 - visitatori
 
 

 
 


| home | | inizio pagina |