FF

 Città del Vaticano
La Chiesa naviga su Twitter: intervista con il card Ravasi.
 
‘Il linguaggio sintetico e incisivo di Twitter può insegnare molto alla comunicazione religiosa’. Con questa convinzione, dal 20 giugno scorso, il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, ha cominciato a ‘twittare’ quotidianamente e cioè ad inviare ogni giorno una citazione biblica attraverso il social-network Twitter. Lo stesso Benedetto XVI, il 28 giugno scorso, aveva utilizzato Twitter per lanciare il nuovo portale informativo della Santa Sede news.va, a conferma del crescente impegno della Chiesa nel promuovere l’informazione e l’evangelizzazione attraverso il web. Risponde Ravasi a Radio Vaticana:
D. – La sfida è anche quella di non cadere nella superficialità, andando incontro a linguaggi brevi …
R. – Certamente. Questa è l’altra faccia della medaglia: la comunicazione per blog già è una comunicazione di sua natura molto semplificata, perché si deve dare la notizia nella sua sostanza, se non altro perché se fai un lungo ragionamento te lo trascrivono in pochi. Il tweet è ancora più breve e il rischio è appunto la banalizzazione, l’eccesso di semplificazione. Quindi dovremo certamente tenerne conto. Però, dall’altra parte, dobbiamo anche tener conto del fatto che ormai il linguaggio della giovane generazione – purtroppo!, diciamo noi dell’antica generazione … - è un linguaggio di sua natura prosciugato: non ammette le subordinate, procede per coordinate decisive, quasi come fossero affermazioni di verità costanti. Ed è per questo che bisognerà fare una lunga educazione per comunicare, come ci ricorda Benedetto XVI, il più possibile la verità, cioè comunicare una sostanza, e non un’illusione.
 


  [Fonte: Radio Vaticana 15 luglio 2011] 



 Milano
Riproponiamo il nuovo libro di Enrico Maria Radaelli. Per riprendere a costruire la civiltà a partire dalla Bellezza.
 
Tra le conclusioni del Convegno di dicembre scorso sul Concilio Vaticano II è emersa la consapevolezza che nella difficoltà ermeneutica in cui ci dibattiamo si nasconde la carenza della metafisica. E’ un problema di forma e di sostanza: la modernità fa perdere chiarezza accusando il dogmatismo normativo, ma accantonare la metafisica è significato accantonare la fede che è messa in un angolo. E’ appena uscito un nuovo libro di Enrico Maria Radaelli, un autore che ha la peculiarità di intraprendere percorsi metafisici di rara profondità e suggestione intellettuale e spirituale, sviluppando e proseguendo sia l'opera di Romano Amerio che la sua personale elaborazione su dove e come sia avvenuto il «disorbitare della Chiesa dal suo fine primario» e individuando le soluzioni secondo la Tradizione perenne, non quella “vivente” in senso storicistico. Abbiamo la ventura di immergerci in 300 pagine che flagellano e svuotano di ogni sua più ridicola pretesa di ragionevolezza e persuasività il liberalismo massonico: La Bellezza che ci salva. La forza di imago, il secondo Nome dell’Unigenito di Dio, che, con Logos, può dar vita a una nuova civiltà, fondata sulla bellezza. Avrebbe potuto chiamarsi La Verità che ci salva (soprattutto dal liberalismo massonico), ma l’Autore ha voluto riferirsi alla nota affermazione dostoevskjiana in primo luogo per mostrarne una volta per tutte la futilità, in secondo per portare finalmente alla ribalta le devastanti nuove eresie iconologiche propalate dalle diaboliche vesti cementizie delle nuove chiese, che sono lo specchio di quelle logiche che stanno oscurando la Tradizione perenne, unica portatrice della Verità....continua
 


  [Fonte: Chiesa e Postconcilio maggio 2011] 



 Roma
I Sabati della Tradizione a S. Nicola in Carcere riprenderanno a settembre


Lo splendido altare Basilicale

Vuoi approfondire e promuovere la Tradizione della Chiesa? Vuoi seguire un cammino di fede e di testimonianza personale in uno spirito di amicizia e di gioia?
Allora puoi venire a trovarci e a conoscerci tutti i Sabati alle ore 18 nell'antica bellissima Basilica di San Nicola in Carcere via del Teatro Marcello, 46 Roma.
Ogni sabato, alle ore 18,
noi del gruppo stabile San Luigi Orione, guidati spiritualmente dal sacerdote don Giuseppe Vallauri, proseguiamo i nostri incontri, l'Adorazione e la Santa e Divina Liturgia Vetus Ordo. Venite numerosi e rivolgete l'invito ad altri vostri amici.
Per luglio e agosto, pausa estiva. A settembre prossimo!
 


  [Fonte: Gruppo S. Luigi Orione luglio 2011] 



 Roma
S. Messa Tridentina pomeridiana domenicale
 
A Roma, in via Merulana, 177 a pochi passi da Santa Maria Maggiore, nella Chiesa di Sant'Anna al Laterano della Congregazione delle Figlie di S. Anna, che hanno qui la loro Curia generalizia,  ogni domenica alle ore 17 viene celebrata la Santa e Divina Liturgia secondo la forma del Rito Romano Tridentino.


La Santa Messa è celebrata da P. Giuseppe Vallauri.
Le celebrazioni avranno luogo anche per tutta l'estate.

 


  [Fonte: InternEtica giugno 2011] 



 

2011
gen febb mar
apr mag giug
lug ago sett
ott nov dic






1630 - visitatori
 
 

 
 


| home | | inizio pagina |